Ortofrutta: Cobragor Azienda Agricola Cooperativa

Ortofrutta: Cobragor. Cooperativa agricola a produzione biologica, situata nel Parco Naturale dell’Insugherata

Ortofrutta al XIV Municipio: Cooperativa Agricola Co.br.ag.or.

C’è chi conosce Cobragor come agriturismo. C’è chi la conosce come azienda agricola biologica o come negozio di ortofrutta biologico, come esempio di agricoltura multifunzionale a Roma, come piattaforma di lotta per le terre pubbliche in quella che è oggi la Riserva Naturale dell’Insugherata. Cobragor è tutto questo. Ma è di più. Perchè l’insieme è molto maggiore della somma delle sue parti.

Ortofrutta buonissimap cobragor
Francesca Zubbani, socia fondatrice della Cooperativa Agricola Co.br.ag.or (Cooperativa Braccianti Agricoli Organizzati)

La storia di Cobragor: agricoltura che rigenera ambiente, paesaggio e tessuto sociale

Cobragor porta nel nome la sua storia: Cooperativa Braccianti Agricoli Organizzati. Era l’aprile del 1977 quando un gruppo di disoccupati iniziò uno sciopero alla rovescia su un terreno di proprietà pubblica sito nei pressi dell’antico Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà, da molti anni in stato abbandono. Le forze politiche e sindacali si adoperarono per garantire l’avvio di una pratica agricola che assicurasse lavoro, produzione e riqualificazione ambientale dell’area. In coerenza con i suoi obiettivi, fin dall’inizio Cobragor ha scelto la agricoltura biologica, nel rispetto dell’ambiente e della salute.

L’azienda è situata a pochi chilometri dal centro di Roma, dentro il GRA, nel XIV Municipio, all’interno del Parco agro-economico Casal del Marmo, in un’area compresa tra la via Trionfale, Via Casal del Marmo, Boccea e Quartaccio che a motivo dell’elevato pregio ambientale, paesaggistico e storico è stata riannessa nella nuova perimetrazione della Riserva Naturale dell’Insugherata.

Dei 40 ettari coltivati, 20 sono destinati ai cereali a rotazione biennale, 4 sono di orto e i restanti 16 sono stati destinati ad oliveto e frutteto. I campi dove sono a dimora gli alberi (1600 ulivi e 4500 fruttiferi misti) hanno contribuito a valorizzare la campagna anche dal punto di vista paesaggistico creando le condizioni per attività integrative a quella agricola quali le visite didattiche, la ristorazione e l’ospitalità. L’azienda è aperta e i clienti possono direttamente verificare le pratiche agricole biologiche adottate.

Le scelte colturali e le relative attrezzature impiegate sono sempre studiate in relazione al tempo di lavoro dei soci che va garantito in modo adeguato: il mercato è importante ma non determinante!

 

Ortofrutta: cosa troviamo nel punto vendita Cobragor

Ma cosa troviamo nel caratteristico spaccio di Cobragor, che si trova all’interno dell’azienda agricola? Francesca Zubbani, una delle socie fondatrici dellla cooperativa, ci accompagna nel giro dei campi e del negozio.

Innanzitutto ci sono solo prodotti di stagione. La stragrande maggioranza dei prodotti sono di produzione propria da agricoltura biologica (Certificata ICEA). Le poche integrazioni provengono da piccoli produttori biologici. Esempi sono le mele bio dell’azienda biologica toscana Podere Fontecornino, gli agrumi bio provenienti dall’Azienda Agricola Biologica Toraldo, a Tropea in Calabria, e le patate, carote e rape bio, che vengono dall’azienda Mascitelli Bio, di Gioia dei Marsi, in Abruzzo.

I principali prodotti di produzione propria sono l’olio extravergine di oliva biologico, la verdura e la frutta di stagione, e i trasformati quali le passate di pomodoro, i patè e le marmellate.

Tra le varie coltivazioni, ci sono anche quelle di prodotti rari, particolari, o non facilmente trovabili sul mercato a Roma. E’ il caso dei tenerumi, l’ultimo pezzo della pianta della zucchina, molto diffusi in Sicilia. Ma anche la zucca mantovana (“A Mantova ci fanno i tortelli”, racconta Francesca), i pomodori seccati al sole e gli avocado. Ovviamente, tutto biologico. “Penso che a Roma, con produzione biologica certificata, sia la zucca mantovana, che i pomodori seccati al sole e gli avocado li facciamo solo noi”, valuta Francesca.

Non mancano poi le erbe spontanee come la portulaca (o porcacchia), il crispino, la ramoraccia, la cicoria selvatica e l’amaranto. Le uova biologiche sono di produzione propria, da galline allevate all’aperto che mangiano solo i prodotti coltivati in azienda.

La sostenibilità non poteva mancare nella gestione dell’invenduto, che viene in parte trasformato e in parte consegnato ad associazioni per la distribuzione gratuita. Ma, come sottolinea Francesca, è bene ricordare che il fatto di avere il negozio presso l’azienda agricola riduce esponenzialmente lo spreco alimentare, perchè tanti prodotti possono essere raccolti a seconda delle richieste, e poi non c’è nessuno spreco causato dal trasporto.

Tra i servizi offerti, la consegna (nelle zone di Belsito, Balduina, Prati e Pineto), il grande parcheggio all’interno della cooperativa e la possibilità di pagare con Bancomat e carta di credito. Lo spaccio è aperto da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 18.00, e sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00.

Essendo Cobragor un’azienda agricola basata sulla multifunzionalità, sono attivi molti altri servizi alla comunità, oltre alla vendita dei prodotti: ristorazione, pernotto, centro estivo, fattoria didattica, eventi culturali, mercatini, ciclofficina. Potete chiamare per prenotazioni e informazioni al 06 3386271.

 

Qualità e prodotti di punta di Cobragor

Cosa fa di Cobragor un ortofrutta di qualiltà? Ce lo dice Francesca che, insieme ad altre persone nell’aprile del 1977, ha fatto nascere questa realtà: “soprattutto le tecniche culturali, come la lavorazione manuale del terreno, la raccolta manuale, il non utilizzo di fitofarmaci e inseticidi e la freschezza del prodotto”.

Per i prodotti punta di diamante invece ci indica il patè di pomodori secchi (seccati al sole in azienda), il patè di olive, l’Olio extravergine di oliva, la zucca mantovana e – non senza un brillo negli occhi – le marmellate di prugne e albicocche e i pomodori in conserva.

Se vi trovate in altre zone ma volete provare i prodotti della cooperativa, ecco alcuni negozi che si riforniscono anche da CobragorConsorzio Bioroma (e-commerce delle cooperative agricole di Roma), Nautia (bottega alimentare al quartiere Trieste/Salario), il Castagno, ristorante a Pineta Sacchetti di gastronomia naturale che fa anche vendita di prodotti, e la Cooperativa sociale il Cerchio, a Formello.

 

Valore aggiunto e altri servizi – multifunzionalità

Francesca ci tiene a sottolineare l’importanza della Cooperativa nella tutela dell’ambiente e del paesaggio a Roma. Ma anche quanto questa tutela vada a beneficio della cittadinanza. Sono tanti i servizi offerti alla comunità. Il bellissimo angolo di natura a due passi da Santa Maria della Pietà può essere goduto a pranzo, nei fine settimana, quando è attivo il servizio di ristorazione. Ma anche il pernotto, con l’agriturismo all’interno dell’azienda, dove si fermano tanti pellegrini che percorrono la Via Francigena. D’estate è attivo un centro estivo, e durante l’anno l’agenda è piena di eventi culturali e mercatini. Per chi volesse conoscere da vicino le attività agricole, c’è anche una fattoria didattica, e una ciclofficina per gli amanti delle pedalate.

 

Etica e sostenibilità: le scelte di Cobragor

Nel giro dell’azienda agricola, abbiamo assistito a delle scene che solo chi pratica la vera agricoltura biologica – che sia o no certificata – può capire. La più bella è stata quella del diserbo a mano. Alcuni lavoratori, accovacciati, strappavano delicatamente l’erbaccia dal campo dove erano coltivati i finocchi. Filare per filare, pianta per pianta. Per ettari ed ettari. “Ci vuole molto lavoro e tanta creatività quando si produce in biologico”, ha confessato divertita Francesca. Creatività soprattutto nella lotta contro gli insetti, e ci racconta alcuni anedotti sulle tante tecniche – e trucchi – quando si ha a che fare con un’agricoltura 100% naturale.

Essendo un’azienda biologica certificata, Cobragor fa uso di tutte le pratiche proprie di questo tipo di agricoltura, come la rotazione delle colture, il sovescio, e ovviamente l’utilizzo fertilizzanti o diserbanti chimici è nullo.

Cobragor è anche certificata dalla regione Lazio con il marchio Natura in Campo, per le aziende agricole che producono all’interno delle aree protette regionali.

Come segno del suo impegno verso la sostenibilità sociale e una politica di lavoro etica, Cobragor ha aderito alla Rete del lavoro agricolo di qualità, istituita dall’INPS per le aziende agricole virtuose in tema di lavoro.

Criteri di selezione
  • Produzione propria
  • Prodotti biologici/biodinamici certificati
  • Prodotti da Agricoltura rigenerativa
  • Prodotti da Agricoltura sociale
  • Prodotti da Rete anti-caporalato
  • Marchio Natura in Campo
  • Prodotti Km0 (Campagne laziali)
Offerta e specialità
  • Olio extravergine di produzione propria
  • Erbe spontanee
  • Prodotti rari o particolari
Servizi e valore aggiunto
  • Consegna
  • Accetta bancomat e carte
  • Parcheggio convenzionato

Non ci sono ancora commenti.

Invia la tua recensione

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca il cibo buono che fa per te!

Esplora il nostro motore di ricerca e trova quello che stai cercando

Torna alla Home

Copyright Buonissimap. All rights reserved.

Login

Register

Your personal data will be used to support your experience throughout this website, to manage access to your account, and for other purposes described in our privacy policy.

Already have account?

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.